“Rompendo i Vasi” → “Riparando il Mondo”



La storia della Bibbia oscilla in vari momenti in due direzioni opposte per la nazione di Israele: dispersione e ricongiungimento. Questo è un aspetto molto importante del pensiero ebraico, che non si trova nella maggior parte della letteratura cristiana (o secolare).


La visione ebraica della “salvezza” è stata descritta in ebraico come “Galut” e “Geulah– גלות וגאולה – “esilio e redenzione“. Salvezza, redenzione, riunificazione nella terra d’Israele, istituzione di un regno israelita e la venuta del Messia – sono tutti collegati.

Nella storia biblica ci sono cinque esili:

  1. Egitto – soggiorno ai tempi dei patriarchi

  2. Assiria – tribù settentrionali al tempo di Ezechia

  3. Babilonia – Regno della Giudea al tempo di Geremia

  4. Persia – continuazione dell’esilio babilonese

  5. Roma – principale esilio di 2.000 anni fino al Sionismo moderno.

Uno dei motivi per cui il modello di esilio e ritorno è necessario è perché il regno di Dio è sia israelita che internazionale.


Ogni esilio ha avuto luogo al culmine dell’impero delle nazioni sopra elencate. In ogni caso c’era un’opzione per una benedizione positiva sulla nazione, o un giudizio negativo, a seconda del loro rapporto con i “rifugiati” israeliti.

  1. L’Egitto divenne il più grande impero del mondo al tempo di Giuseppe (Genesi) e poi fu distrutto al tempo di Mosè (Esodo).

  2. L’Assiria divenne il più grande impero del mondo subito dopo il loro pentimento al tempo di Giona (Giona 3), e poi fu distrutta quando attaccarono Gerusalemme (Isaia 37).

  3. Babilonia era il più grande impero del mondo al tempo di Daniele.

  4. La Persia era il più grande impero ai tempi di Mordechai ed Ester dopo essere quasi giunta alla fine al tempo di Haman.

  5. Roma controllava l’Europa meridionale mentre vi si diffondeva la missione apostolica di Paolo.

Questo modello profetico è così profondo che i vangeli affermano che Yeshua dovette andare in esilio simbolico in Egitto da bambino e ritornare, al fine di adempiere la storia del patto del popolo di Israele. Matteo 2: 14-15 – “Dall’Egitto ho chiamato mio figlio” (vedere Osea 11: 1).


L’esilio di 2.000 anni fino ai giorni nostri, si verifica durante l’espansione dell’ekklesia internazionale mentre il Vangelo si estende in tutto il mondo. La restaurazione di Israele indica le fasi finali del processo verso la venuta del Messia per stabilire il regno di Dio sulla terra.


Tra la distruzione di Gerusalemme nel 70 d.C. e il tempo dell’Olocausto, la più grande tragedia del popolo ebraico fu l’esilio dalla Spagna nel 1492 al culmine del periodo dell’inquisizione. Poiché la Spagna era il centro principale della vita, della cultura e della popolazione ebraica in quel secolo, il trauma fu avvertito in proporzioni cosmiche.

Gli scritti religiosi ebreu iniziarono a cercare un significato spirituale all’esilio. Come potrebbe un Dio buono e onnipotente, che ha un patto con il popolo ebraico, permettere che si verifichino tali disastri? Cominciarono a cercare uno scopo divino nascosto nell’esilio stesso.


Fu in quel momento, in particolare negli scritti mistici del rabbino Isaac Luria (1534-1572) a Safed, che l’idea di “shevirat ha kelim” – שבירת הכלים – e poi “tikkun haolam” – תיקון העולם – divenne popolare. Questi possono essere tradotti come “la rottura dei vasi” e “la restaurazione del mondo”.


Sebbene questi concetti siano stati scritti al di fuori di ogni riferimento alla Nuova Alleanza, c’è qualche sorprendente parallelo con il punto di vista dell’apostolo Pietro sulla “restaurazione di tutte le cose” – Atti 3:21, e con il punto di vista dell’apostolo Paolo di innestare i cristiani internazionali nell’ “albero di Olivo” in Romani 11: 17-24. (Prendiamo i nomi del nostro ministero Tikkun Global dal riferimento in Atti 3:21 e Revive Israel da Romani 11:26).


Una somiglianza di fondo tra la visione mistica lurianica e la visione apostolica della Nuova Alleanza è trovare uno scopo redentore nella distruzione e dispersione del popolo ebraico.

Nella prospettiva di “rompere i vasi” il popolo ebraico è visto come un vaso di argilla che viene frantumato (ricorda Geremia 19). Nella giara di argilla c’era la luce, e quella luce fu diffusa con i pezzi rotti in milioni di piccole “scintille” (confronta le giare di Gedeone in Giudici 7: 16-20 e la luce delle nazioni in Isaia 42: 6, 49: 6 ).


L’idea era che queste scintille avrebbero quindi attirato e raccolto altre scintille sparse tra le nazioni, e quindi i pezzi del vaso di argilla sarebbero stati raccolti e rimontati, insieme alla luce, in un modo più grandioso di prima.


Questo è un concetto parallelo al Vangelo che si spande tra le nazioni (Atti 1: 8), miriadi di Gentili che vengono alla luce della salvezza, portando alla “pienezza dei Gentili” e quindi “tutto Israele sarà salvato” – Romani 11: 25-26, che includerebbe maggiori ricchezze del mondo” e persino “risurrezione dai morti” – Romani 11:12, 15.


La distruzione e il disastro tra il popolo ebraico avrebbero portato alla salvezza e alla redenzione delle nazioni, e quindi il popolo ebraico sarebbe stato restaurato. Questa è la visione mistica della “rottura dei vasi” e della “riparazione del mondo”. Questo punto di vista nel Nuovo Patto è incorporato nella commissione del Vangelo, nell’unità della Chiesa, nel risveglio mondiale e, infine, nella Seconda Venuta di Yeshua.


La Nuova Alleanza include un ruolo positivo per i Gentili (ethnos). Diffonderanno il messaggio del Messia e contribuiranno anche a portare la salvezza al popolo ebraico mediante una forma divina di “gelosia” (Deuteronomio 32:21 – kin’ah קניאה, Romani 11:14 – parazeloo).


Applicazione personale


In tutti questi temi c’è anche una lezione devozionale personale. Nelle nostra vite, nelle nostre famiglie e nelle nostre congregazioni c’è spesso un periodo di distruzione e dispersione, che porta in seguito a un completamento migliore e più purificato.


C’è uno scopo e una logica divini dietro questi disastri, in cui il bene più grande e più ampio sarà reso evidente in seguito. Per ogni sogno e visione c’è una morte e una rinascita. Possa Dio darci più grazia, fede, speranza e perseveranza per uscire da ciò che ci è nascosto in tempi di dispersione e sofferenza terribilmente dolorose.

Contact Us

Email: info@reviveisrael.org

Revive Israel
Yad HaShmona, 90895
Judean Hills, 
Israel

  • Facebook
  • YouTube
  • Instagram
ecfalogo 2.png
Copyright © 2021 Revive Israel. All rights reserved  |  Privacy Policy
Member Accredited.