Può Dio apparire in forma umana?


Recentemente ho letto un articolo su una rivista ebraica ortodossa, intitolato “Il problema dell’antropomorfismo”. Questa parola ha una radice greca, presa dalle parole usate anche nel Nuovo Patto. Anthropos è umano o uomo. Morph è forma.


Quindi, la parola significa letteralmente “nella forma di un uomo”. La domanda è teologica: come si intendono i numerosi passaggi del Tanakh (Legge e Profeti) che descrivono Dio in termini umani o che appare in forma umana?


Il termine ebraico equivalente è la forma hiph’il della parola umana, presa dal nome Enos, אנוש. L’antropomorfismo è Ha’anashah, האנשה.


Questa è una domanda chiave nell’interpretazione biblica. È la ragione dietro il libro che ho scritto, “Chi ha pranzato con Abramo?”


La sfida è che il punto di vista rabbinico tradizionale e alcuni studi biblici moderni sostengono che il Dio del Tanakh non ha una forma simile a quella umana; non può avere una forma simile a quella umana; e qualsiasi deduzione che sostiene ciò sarebbe idolatra o ignorante, pagana o primitiva, perché ridurrebbe Dio a livello umano.


Suggerisco una duplice risposta alla sfida.


La prima risposta è che, nonostante le negazioni teologiche, la Legge ed i Profeti sono pieni di queste apparizioni divine in forma umana (epifanie). Allora come si possono “descrivere” tanti passaggi?


La discussione che ho letto ha offerto due correnti di spiegazione negli scritti rabbinici per “descrivere” passaggi antropomorfi:

  • Spiegazione simbolica della parabola letteraria

  • Spiegazione dell’esperienza psicologica personale

  • La prima spiegazione rabbinica è che tutte le descrizioni dell’antropomorfismo divino nel Tanakh devono essere intese come simbolismo poetico; solo parole. È un’immagine di parole che non intende implicare alcuna realtà sostanziale dietro di essa.

  • La seconda spiegazione rabbinica è che le descrizioni dei Profeti non erano solo simboliche, ma descrivevano anche una vera esperienza mistica. Essi hanno spiegato che i Profeti hanno avuto una vera esperienza interna di un’epifania divina, ma era solo interna, solo psicologica. Ciò escluderebbe anche qualsiasi effettiva apparizione di Dio in una forma umana.

L’altra risposta ha a che fare con la visione delle scritture del Nuovo Patto secondo cui Yeshua (Gesù) è divino. Ci sono molte profezie nel Tanakh che sembrano riferirsi a Yeshua.

Una visione ebraica tradizionale sostiene che Yeshua abbia commesso bestemmia riferendosi a Se stesso come al “Figlio di Dio”. Pertanto, anche se ci sono profezie messianiche che si riferiscono a Yeshua, essi direbbero che l’affermazione della Sua messianicità è annullata dalla pretesa della Sua divinità. È un’obiezione a priori al concetto stesso di Dio che appare come uomo.


Al contrario, se il Dio di Abramo, secondo il Tanakh, potesse effettivamente apparire nella forma di un uomo, non sarebbe del tutto impossibile per il Messia essere un Uomo divino. Se questa possibilità viene accettata, allora le obiezioni alla messianicità di Yeshua diventano aperte alla discussione, e si resta ad occuparsi della questione oggettiva se Yeshua è il Messia o no.


Se una persona leggesse tutte le descrizioni delle epifanie divine nel Tanakh, senza alcuna polemica ebraico-cristiana o ipotesi a priori, la conclusione piuttosto inevitabile è che gli scrittori hanno descritto quello che credevano fosse un evento reale, un’esperienza reale, con una figura reale, che appariva in forma umana e parlava come Dio, o almeno “come se” fosse Dio. Ci sono alcune correnti di studiosi ebrei e secolari che accettano questa interpretazione testuale.


Ciò lascerebbe solo altre due possibilità. O quegli autori biblici sono stati ingannati o Dio appare nella forma di un uomo.


Sulla prima possibilità: potrebbero essere stati ingannati? Ovviamente è teoricamente possibile. Qualsiasi punto di vista di “non fede” rimarrebbe in quella posizione. Non c’è Dio. Tutti gli scritti biblici e le esperienze di fede non sono valide. Sono una forma di autoinganno o un pio desiderio.


Questa sarebbe la mia opinione riguardo ai testi che ritengo falsi: la presunta epifania di Joseph Smith nel mormonismo; Maometto che sale al paradiso nell’Islam; anche vari miti greci, romani e indù. Bisogna leggere i testi e fare un discernimento per se stessi.

Tuttavia, per la visione del mondo giudeo-cristiana, il Dio di Abramo e le Sacre Scritture sono vere, affidabili e ragionevoli, morali e autorevoli.


Nel libro “Chi ha pranzato con Abramo?”, cito una trentina di passaggi dell’epifania divina in forma umana. Credo che le esperienze degli autori biblici siano state reali e verificabili.

Nella maggior parte dei passaggi, altre persone erano presenti durante l’esperienza. Ciò eliminerebbe la possibilità che le esperienze siano solo psicologiche e interne. (A meno che non si provi a giustificare ripetute esperienze ipnotiche di gruppo.)

Alcuni degli esempi analizzati sono:

  1. YHVH appare ad Abramo prima della distruzione di Sodoma e Gomorra in Genesi 18.

  2. Giacobbe lotta con un “uomo” tutta la notte a Peniel, e poi va via zoppicando al mattino (Genesi 32).

  3. Mosè che ascende il Monte. Sinai con 70 anziani di Israele e vedendo il Dio di Israele (Esodo 24).

  4. Giosuè che si toglie le scarpe davanti al comandante delle schiere di YHVH prima della battaglia di Gerico (Giosuè 5).

  5. L’Angelo YHVH che appare ai genitori di Sansone in Giudici 13.

  6. Isaia vede il re divino, glorificato e santo seduto sul suo trono (Isaia 6).

  7. Ezechiele vede YHVH come un uomo seduto sul trono sopra la nuvola di gloria e i cherubini (Ezechiele 1).

Questa persona speciale è chiamata con molti nomi nel Tanakh. Il più comune è malach YHVH, מלאך יהוה. Questo di solito è tradotto come “l’angelo del SIGNORE”. Tuttavia, ci sono solo due parole: Angelo, Yehova. Sono in forma smichut, il che significa che le parole sono “unite” insieme. La forma Smichut è come un trattino in inglese, formando una parola da due (come door-post, mail-box, book-end).


Una traduzione letterale di questo nome potrebbe essere: Angelo del Signore o Angelo-Yehova. L’aspetto di questa figura è al di là di ogni semplice descrizione. Nella teologia cristiana viene a volte indicato come “Cristofania”, il che concluderebbe che la figura non solo era reale, ma che l’antropomorfismo divino è un’apparizione dell’eterno Figlio di Dio, Cristo, in una forma “pre-natale” .


L’antropomorfismo significa che Dio desidera essere con noi


Ci sono alcune profonde implicazioni di tali passaggi antropomorfici, che indicherebbero il desiderio di intimità di Dio, la divinità del Messia e il nostro glorioso destino in Lui.


Colossesi 2: 8-10

Guardate che nessuno faccia di voi sua preda con la filosofia e con vani raggiri secondo la tradizione degli uomini e gli elementi del mondo e non secondo Cristo; perché in Lui abita corporalmente tutta la pienezza della Deità; e voi avete tutto pienamente in lui, che è il capo di ogni principato e di ogni potenza.


Dietro la discussione sull’antropomorfismo c’è una bellissima verità sulla natura di Dio. Dio è un Padre amorevole. È santo e meraviglioso, ma è anche vicino e personale. Dio vuole essere coinvolto nella nostra vita in modo reale; Desidera una relazione con noi; stare con noi. Desidera anche elevarci per essere figli di Dio a Sua immagine.

Contact Us

Email: info@reviveisrael.org

Revive Israel
Yad HaShmona, 90895
Judean Hills, 
Israel

  • Facebook
  • YouTube
  • Instagram
ecfalogo 2.png
Copyright © 2021 Revive Israel. All rights reserved  |  Privacy Policy
Member Accredited.