Integrità nel Dono Profetico- Part Uno



Negli ultimi due anni abbiamo dedicato molto tempo ad affrontare quella che ci sembra essere una crisi nell’uso dei doni profetici. Francamente, una misura di fiducia è andata persa. L’anno scorso abbiamo partecipato alla pubblicazione di un appello al pentimento e all’affermazione tra i leader carismatici. Questo sforzo ha portato molto frutto che può essere visionato sul sito sul sito www.ifli.co (Iniziativa per Fivefold Leadership IntregrityuFiv).


Ti rimando anche video della discussion di grupo sulla responsabilità nei doni profetici che coinvolge Dan Juster, Ron Cantor, Michael Brown, Paul Wilbur, Ariel Blumenthal e me stesso. Parte della vittoria in questo pannello non è stato solo l’approccio scritturale di ampio respiro all’argomento da parte dei membri del gruppo, ma il fatto stesso del nostro incontro insieme dopo circa quattro decenni di leadership nel ministero cooperativo.


Parte del nostro messaggio era la dimostrazione del modello secondo cui la responsabilità spirituale deriva dall’essere coinvolti in rapporti con fratelli e sorelle che la pensano allo stesso modo e che hanno il diritto di parlare nella vita dell’altro. L’affidabilità, la fedeltà e l’integrità si sviluppano attraverso le relazioni di alleanza. La volontà di lavorare insieme e ricevere un feedback reciproco dimostra l’umiltà e limita l’auto-grandezza delirante.

La profezia inizia con l’esclamazione di Mosè in Numeri 11:29


וּמִי יִתֵּן כָּל־עַם יְהוָה נְבִיאִים, כִּי־יִתֵּן יְהוָה אֶת־רוּחוֹ עֲלֵיהֶם


Fossero pure tutti profeti nel popolo del SIGNORE, e volesse il SIGNORE mettere su di loro il suo Spirito!


Che meravigliosa preghiera! Mosè pregò che tutti ricevessero lo Spirito Santo e che tutti potessero profetizzare. Questo è il cuore di Dio.


Gioele prese quella preghiera e la trasformò in una profezia. Gioele 2:28


וְהָיָה אַחֲרֵי־כֵן, אֶשְׁפּוֹךְ אֶת־רוּחִי עַל־כָּל־בָּשָׂר, וְנִבְּאוּ בְּנֵיכֶם וּבְנוֹתֵיכֶם


In seguito avverrà che io spanderò il Mio Spirito su ogni carne e i tuoi figli e le tue figlie profetizzeranno.


Questa profezia fu poi citata da Pietro quando lo Spirito Santo fu versato a Shavuot (Pentecoste), come riportato in Atti 2: 1-18.


Il passaggio dalla preghiera di Mosè alla profezia di Gioele all’adempimento di Pietro significa che è avvenuto un cambiamento nello stato della profezia. La profezia non è solo per pochi speciali uominidi Dio scelti; ora è un dono messo a disposizione di tutti. Questo cambiamento di status non è una “svalutazione” del dono; è un miglioramento, un allargamento, un’universalizzazione delle opportunità.


Peter ha poi spiegato come questo potesse accadere. Tutti devono pentirsi dei propri peccati, sottomettersi alla signoria di Yeshua e poi ricevere lo Spirito Santo (Atti 2:38). Attraverso la morte e la risurrezione di Yeshua, lo Spirito Santo viene offerto a tutti coloro che chiedono e credono. Questo Spirito Santo è lo stesso dello Spirito Santo che era sui profeti.


Prima di Yeshua, lo Spirito Santo scese sui pochi speciali che erano profeti. Da Yeshua, lo stesso spirito dei profeti dimora permanentemente in tutti i santi. (È interessante notare che il linguaggio della Nuova Alleanza di solito parla dei seguaci di Yeshua prima dell’effusione dello Spirito Santo come mathetes “discepoli”, ma dopo la presenza dello Spirito Santo, sono chiamati “santi” hagios.) Ciò che rende una persona santa è lo spirito di santità che dimora in lui.

Potremmo riassumere lo sviluppo della profezia in queste tre fasi:

  1. Spirito di Dio sui profeti

  2. Parola di Dio scritta nelle Scritture

  3. Spirito di Dio che vive nei credenti della Nuova Alleanza.

Questa espansione del ruolo del dono della profezia implica un cambiamento nel modo in cui viene gestito nella comunità di fede. (to be continued).


Contact Us

Email: info@reviveisrael.org

Revive Israel
Yad HaShmona, 90895
Judean Hills, 
Israel

  • Facebook
  • YouTube
  • Instagram
ecfalogo 2.png
Copyright © 2021 Revive Israel. All rights reserved  |  Privacy Policy
Member Accredited.