Torna ad Articoli

logo

Revive Israel Ministries

© 1 de Marzo 2019 Revive Israel Ministrie

Rinnegare me stesso? - Perché?

Asher Intrater

man

Yeshua ha detto  che il nostro "Sì" fosse "Sì" e il nostro "No" fosse "No" (Matteo 5:37). Nel contesto stava parlando di voti religiosi, ma possiamo fare un passo in più: il bene è bene; il male è male (Isaia 5:20).

A cosa diciamo "Sì"? - tutto bene! Tutte le promesse di Dio sono "Sì" e "Amen" attraverso Yeshua (II Corinzi 1:20). Dobbiamo pensare ad ogni cosa buona e pura (Filippesi 4: 4-8). Meditando sulle promesse di Dio sviluppiamo un atteggiamento ottimista e siamo trasformati nelle nostre menti (Rm 12,1-3).

Ma dobbiamo anche dire "No" alle cose cattive. Il male proviene da tre fonti: il mondo (pressione sociale); la carne (orgoglio e concupiscenza); il diavolo (spiriti demoniaci). Diciamo "No" a tutto ciò che porta al peccato e alla morte.

Seppellire la nostra carne

Yeshua disse: "Chiunque desideri seguirmi, deve rinnegare se stesso, prendere la sua croce ogni giorno e venire dietro a me" - Luca 9:23. Seguire Yeshua ci porta in tutte le gloriose benedizioni di Dio.

Tuttavia, il percorso  per seguire le Sue orme inizia con: "rinnega te stesso". Ciò significa dire "No" ai nostri desideri egoistici. I rabbini chiamano questo יצר הרע , yetzer hara', l'istinto malvagio.

Considera:

  1. Pensa a quanti dei dieci comandamenti iniziano con "Non devi ..."!
  2. Il Salmo Uno inizia con tre “Non " - non cammina sul sentiero dei malvagi; non si ferma nella via dei peccatori, non si siede in compagnia degli schernitori.
  3. La grande preghiera di Yeshua del Getsemani ripeteva più e più volte: "Non la mia volontà, ma la tua ..." (Matteo 26: 37ss).
  4. L'ultimo frutto dello Spirito è “l’ autocontrollo" (Galati 5: 22-23).
  5. Parte del diventare "partecipi della natura divina" è anche autocontrollo (II Pietro 1: 3-7).

Paolo parlò anche della crocifissione "di sé": "crocifiggimi" (Galati 2:20); "crocifiggi il mondo" (Galati 6:14); "crocifiggi la carne" (Galati 5:24). Qui non si parla in alcun modo di auto-flagellazione o auto-condanna, ma di dire "No" alle influenze del male, in particolare ai nostri istinti peccaminosi.

L'abnegazione è l'opposto dell’ autocondanna; è un'opera di grazia dello Spirito Santo. "Ora non c'è condanna per coloro che sono nel Messia Yeshua" - Romani 8: 1. Grazie a Dio, grazie al sangue di Yeshua, siamo stati purificati da ogni colpa (Ebrei 9:14, 10: 1-3, 12:24).

Tuttavia, lo stesso Spirito Santo che ci libera dalla condanna "mette a morte" anche egoismi e concupiscenze. “Se mediante  lo Spirito metti a morte le azioni del corpo ..." (Romani 8:13). Tra tutti i meravigliosi e positivi versetti sull'opera dello Spirito Santo, abbiamo forse sorvolato su quel versetto? Lo Spirito Santo pone fine alle opere della carne.

Dall’interno

Perché l’autocontrollo è una qualità così importante? Ha a che fare con il nostro destino come figli di Dio per prendere il dominio sulla creazione (Genesi 1: 26-29). Siamo chiamati a "governare e regnare" insieme a Lui (Romani 5:17, Apocalisse 5:10, 20: 6). L'autocontrollo sta effettivamente governando noi stessi. Se puoi governare te stesso, sei pronto a governare il mondo.

Proverbi 16:32 - Colui che è lento all'ira è migliore di un uomo potente; e colui che domina il suo spirito è migliore di colui che espugna una città. Bisogna essere in grado di dominare i propri sentimenti e desideri, prima di poter dominare le cose più esterne. Prendere il dominio su noi stessi precede il dominio sulla creazione di Dio. Questa è una qualità essenziale del carattere che ci consente di realizzare gli scopi più alti di Dio nelle nostre vite.


Chiamata irrevocabile di Israele

Dan

Dan Juster parla del significato della salvezza di Israele in relazione al  ritorno del Messia.

Guarda QUI!


Torna ad Articol

Per favore PREGATE  per il nostro ministero in corso in Israele di evangelizzazione indigena,  per lo stabilimento di congregazioni messianiche,  per il centro di discepolato, per la lode e la preghiera profetica, le veglie di preghiera  in ebraico e per gli aiuti finanziari per i bisognosi.