Torna ad Articoli

logo

Revive Israel Ministries

© 16 de Novembre 2018 Revive Israel Ministrie

Mandato generazionale

Cody Archer

youth

Ho servito come pastore giovane per un certo numero di anni, sapendo perfettamente che questo titolo non esiste nella Bibbia. Il ministerio giovanile come lo conosciamo oggi è uno sviluppo moderno nella chiesa. Ma credo che abbia un posto e stia facendo la differenza. Per me, questo è uno dei principali modi in cui obbedisco al mandato di Yeshua di fare discepoli e dichiarare la buona novella della redenzione alla prossima generazione.

"Ogni generazione celebrerà le Tue opere a quella seguente”. (Sl 145:4)

"Farò in modo che il tuo nome sia ricordato in tutte le generazioni, quindi i popoli ti loderanno per sempre, in eterno”. (Sl 45:17)

Leggi di nuovo quei versetti. Secondo questi Salmi, ogni persona ha una parte da svolgere nel discepolato generazionale. Quando ciò accadrà, tutte le nazioni loderanno Dio.

Il problema è che molti hanno erroneamente pensato che il discepolo della prossima generazione richieda una chiamata speciale, la personalità e l'unzione da Dio. Credo che relegare il lavoro di tutoraggio generazionale a pochi, invece di far sì che tutti se ne assumano la responsabilità, stia ostacolando il progresso della Grande Commissione.

Giocare per vincere

"E queste parole che ti comando oggi saranno nel tuo cuore, insegnerai loro diligentemente ai tuoi figli e ne parlerai quando sei seduto in casa tua, quando cammini per strada, quando ti corichi e quando ti alzi ... “ (Deut. 6: 6-7)

La responsabilità principale della discepolazione dei giovani è nelle mani dei loro genitori. E oltre a questo, a un'intera generazione è comandato di discepolare il prossimo. Questo chiama tutti sul campo di gioco, non solo i bambini e gli animatori giovanili.

Secondo le statistiche globali, la stragrande maggioranza dei credenti arriva alla fede in Yeshua prima del ventesimo compleanno. Pertanto, se investire nella generazione emergente è il modo più strategico ed efficace per raggiungere le nazioni, perché nella maggior parte delle chiese i bambini e il ministerio giovanile non hanno una priorità più alta? Potremmo valorizzare di più i giovani e di meno quelli più grandi?

Quando Yeshua ci ordinò di andare a fare discepoli in tutte le nazioni (Matteo 28:19), non si riferiva solo ai nostri pari. La parola greca per "nazioni" è ethnos, che significa ogni gruppo etnico. Ogni gruppo etnico comprende neonati, bambini, giovani e così via. Oggi metà della popolazione mondiale ha meno di 30 anni.

Interdipendenza generazionale

Questo significa che non mi importa di quelli più grandi di me? Assolutamente no! Ho un grande rispetto, condivido relazioni profonde e mi diverto a collaborare con persone molto più grandi di me. Abbiamo tutti bisogno l'uno dell'altro. Senza gli anziani che investono in me, non sarei in grado di fare quello che sto facendo ora.

Ognuno di noi un giorno si presenterà davanti al Signore e renderà conto di come abbiamo amministrato le nostre vite sulla terra. Il nostro amore e il nostro investimento nella prossima generazione non saranno un problema secondario.

Non cedere alle bugie che dicono che non hai nulla da dare alla generazione emergente; sei troppo vecchio, troppo occupato, o non sei bravo a relazionarti con loro. Invece, alziamo e combattiamo per la prossima generazione. Non smetteremo di pregare, investire, discepolare e trasmettere alla prossima generazione tutto ciò che li avvantaggerà, non importa quanto grande o piccolo possa essere. Il loro successo è il nostro successo!


Il tuo cuore è d’accordo con il mio cuore?

Asher

Asher Intrater parla della preghiera come esercizio per allineare i nostri cuori ad essere giusti davanti a Dio e agli altri.

Guarda Qui!


Torna ad Articol

Per favore PREGATE  per il nostro ministero in corso in Israele di evangelizzazione indigena,  per lo stabilimento di congregazioni messianiche,  per il centro di discepolato, per la lode e la preghiera profetica, le veglie di preghiera  in ebraico e per gli aiuti finanziari per i bisognosi.