Torna ad Articoli

logo

Revive Israel Ministries

© 5 de Ottobre 2018 Revive Israel Ministrie

L'idea della Confederazione palestinese

Daniel Juster, Th. D., Restoration from Zion

leaders

Un nuovo piano di confederazione?

La stampa israeliana riferisce di un nuovo tentativo alla soluzione del conflitto tra Israele e palestinesi - un "piano di confederazione" per le aree palestinesi della Giudea e della Samaria (Cisgiordania). Il piano originale per la confederazione venne da Yigal Allon dopo la guerra del 1967.

Storia Recente

Dal 1948 al 1967, la Giordania governò la Cisgiordania (compresa Gerusalemme Est e la Città Vecchia) e rivendicò la sovranità su di essa. Non hanno dato la cittadinanza giordana ai palestinesi della West Bank. L'Egitto ha governato Gaza e non ha dato loro la cittadinanza. La Giordania è governata da un clan arabo noto come gli hashemiti, che non sono considerati palestinesi, anche se la maggioranza della popolazione della Giordania è palestinese.

La Giordania faceva parte del mandato originale della Palestina. Nel piano di spartizione della Società delle Nazioni, la Giordania fu creata e separata dal territorio ad ovest del Giordano che era ancora sotto la Dichiarazione di Balfour e affermata come una patria per il popolo ebraico. Gli Stati Uniti nel 1947 presentarono un altro piano di spartizione che assegnava ai palestinesi di Giudea, Samaria, Gerusalemme Est e Gaza uno stato; e uno stato per gli ebrei nel resto della terra. Israele ha accettato questo piano e il mondo arabo lo ha respinto. Poi seguì la Guerra d'Indipendenza che Israele vinse, ma con la perdita del quartiere ebraico della città vecchia a Gerusalemme e delle aree ebraiche di Gerusalemme Est, tra cui l'Università Ebraica e l'Ospedale Hadassah.

Il Piano di Allon

La guerra del 1967 diede a Israele il controllo dell'intera area ad ovest del Giordano. Ma ora iniziava la famosa discussione demografica. Afferma che per Israele sopravvivere come stato ebraico non può incorporare il numero schiacciante di arabi della Cisgiordania e di Gaza in Israele. Ciò creerebbe una maggioranza araba in Israele democratico. Così ben prima degli accordi di Oslo e come mezzo per trovare la pace tra Israele e i palestinesi, Allon presentò il primo piano di separazione dagli arabi della West Bank. Allon era un famoso leader politico e generale nel partito laburista.

Il piano di Allon prevedeva di mantenere per Israele le aree di Gerusalemme Est, specialmente quelle aree che erano ebraiche prima della guerra del '48, e quindi di aggiungere insediamenti ebraici a Gerusalemme Est. In secondo luogo, ha promosso insediamenti ebraici in Giudea e Samaria e avamposti militari che entrambi sarebbero importanti per la profondità strategica e la sicurezza di Israele. L'idea era di espandere Israele e vedere i palestinesi incorporati in Giordania.

La Risposta Giordana al Piano Allon

Per molti anni si sperava che la Giordania, sotto il re Hussein, potesse accettare un simile piano, dal momento che rivendicava la Cisgiordania per la Giordania. Ma non era quindi aperto al compromesso territoriale che il piano di Allon aveva previsto. Poi alla fine ha rinunciato a tutti i diritti sulla West Bank. Perché? Perché lui ha il suo problema demografico. In Giordania molti palestinesi non hanno pieni diritti e potrebbero sollevare e rovesciare i governanti giordani, gli hashemiti di minoranza.

Gli accordi di Oslo non richiedevano esplicitamente uno stato palestinese, e alcuni affermano che il primo ministro Yizhak Rabin - che ha firmato gli accordi di Oslo - non immaginava uno Stato palestinese. Ma negli anni che seguirono ad Oslo, i negoziati andarono rapidamente in quella direzione, e ai palestinesi fu offerto per due volte uno stato dal primo ministro Barak e dal primo ministro Olmert. Tuttavia, quando Gaza si staccò dall'Autorità Palestinese e fu rilevata da Hamas, ogni prospettiva realistica per una soluzione a due stati fu uccisa, nonostante il continuo discorso che sembra ancora favorire questa idea. Ho scritto che penso che Gaza dovrebbe essere collegata all'Egitto e alle aree palestinesi della Cisgiordania in confederazione con la Giordania. Ma la Giordania rifiuta questo piano a causa del timore che troppi Palestinesi siano sotto il loro dominio.

Eppure c'è una radice, che rende impossibile una soluzione. È che tutte le persone hanno bisogno di avere piena cittadinanza in uno stato nazionale. Dov'è scritto nelle tavole delle norme etiche? Perché i palestinesi non potrebbero avere autonomia come territorio, eleggere il proprio governo nazionale, avere passaporti giordani e avere un'economia legata alla Giordania e Israele? Il presupposto errato ci impedisce di progredire. Quindi questo sembra un ritorno al piano di Allon in parte. In questo piano si conservano gli insediamenti ebraici in Cisgiordania; e la costruzione nelle aree ebraiche sarebbe legale, ma non così per gli insediamenti ebraici nelle zone autonome definite palestinesi.

E 'questo il piano di Trump? Nessuno lo sa ... ancora. È possibile? Improbabile dal momento che il rifiuto palestinese di Israele è un rifiuto basato sulla religione. In tutto ciò, dobbiamo tenere presente che, sebbene desideriamo che i palestinesi siano trattati bene e con giustizia, la giustizia macro-cosmica su questo tema inizia con l'affermazione che questa Terra è promessa al popolo ebraico. Dio è sovrano e può assegnare le terre come decide. Può esserci una soluzione temporanea senza questo riconoscimento? Sì, ma mai permanente senza sottomettersi alla volontà di Dio.


Significato biblico di "gentile"

Asher

Asher Intrater parla di vedere i Gentili (gruppi etnici) dalla prospettiva di Dio.

Guarda QUI!

Sottotitoli in: portoghese, danese, olandese, francese, spagnolo.


Torna ad Articol

Per favore PREGATE  per il nostro ministero in corso in Israele di evangelizzazione indigena,  per lo stabilimento di congregazioni messianiche,  per il centro di discepolato, per la lode e la preghiera profetica, le veglie di preghiera  in ebraico e per gli aiuti finanziari per i bisognosi.