Torna ad Articoli

logo

Revive Israel Ministries

© 8 de Dicembre 2017 Revive Israel Ministrie

Il riconoscimento di Gerusalemme da parte di Trump

Ron Cantor

President Trump

Giovedì scorso il Presidente Trump ha riconosciuto ciò che è stata una realtà per decenni: Gerusalemme è la capitale di Israele. Ha dichiarato la sua intenzione di invertire decenni di esitazioni presidenziali su ciò che il Congresso americano con una maggioranza schiacciante aveva deciso nel 1995, di muovere cioè l'ambasciata USA da Tel Aviv a Gerusalemme.

Le reazioni a livello mondiale sono andate dall'eccitazione, al disappunto, all'incitamento; alcune voci parlano di profezia, mentre altre di catastrofe. Ecco sette punti per aiutarci a pensare e pregare.

1. Israele ha dichiarato nel 1950 Gerusalemme come propria capitale. Eppure da allora solo due nazioni hanno accettato di riconoscere questo fatto, e anche queste hanno poi spostato la propria ambasciata a Tel Aviv. Immaginate cosa succederebbe se ipoteticamente ogni nazione nel mondo rifiutasse di riconoscere Washington DC capitale degli Stati Uniti; o Pechino capitale cinese; o Parigi capitale della Francia. Sarebbe normale chiedere a questi paesi di agire così in tali circostanze? Ma questo è ciò che il mondo ha chiesto a Israele.

2. Hamas e gli altri gruppi terroristici dicono che le azioni di Trump su Gerusalemme sono "un'atrocità". Chiedono che inizi una nuova intifada. Nel frattempo non hanno nulla da dire su Assad che usa armi chimiche, sull'ISIS che uccide mussulmani e cristiani, su 500.000 morti in Siria, 10 milioni di rifugiati, la mancanza di diritti civili per le donne nel mondo arabo, ecc. Ci sono delle vere atrocità nel Medio Oriente per cui prendersela, ma questa non è una di quelle.

3. Dio ha predetto (o preconosciuto) migliaia di anni fa che la città di Gerusalemme sarebbe stata la più controversa città in tutto il mondo. Il Salmo 2 parla delle nazioni che si arrabbiano con Dio. La risposta di Dio è: "Ho stabilito il mio regno a Sion, la mia montagna sacra". Zaccaria 12:2-3 dice che negli ultimi tempi Gerusalemme sarà "una coppa di stordimento, una roccia inamovibile" per le nazioni vicine, che "feriranno sé stesse" a causa della loro posizione contro Gerusalemme e contro il Dio di Israele.

4. Presa dall'indignazione, la gente sembra dimenticare che per la maggior parte della storia Gerusalemme è stata poco importante per il mondo arabo-mussulmano. Non è mai stata la capitale di alcuna nazione araba; è stato solo quando i giudei iniziarono a ritornare in Israele che questo zelo contraffatto per Gerusalemme è stato partorito dal mondo mussulmano. Gli Ottomani islamici hanno controllato Gerusalemme per 400 anni e l'hanno lasciata in uno stato di completa desolazione.

5. Dall'altra parte, Dio ha scelto Gerusalemme come luogo in cui costruire la Sua dimora, ed essa è stata la capitale di ogni nazione giudea a partire da Re Davide, più di 3000 anni fa. Gerusalemme (o Sion) è citata circa 1000 volte nell'Antico Testamento e zero volte nel Corano.

6. Dal punto di vista geografico il Vangelo si è svolto in giro per Israele, e gli ultimi giorni di Gesù - la sua morte, la sua resurrezione, la nascita delle prime congregazioni - a Gerusalemme. Maometto non ha mai visitato Gerusalemme; c'è solo una vaga menzione di una visita notturna in sogno a Masjid al-Aqsa, che gli islamici pretendono essere Gerusalemme (Corano 1:17)

7. I leader mondiali (soprattutto della sinistra) sono spaventati che la dichiarazione degli Stati Uniti possa danneggiare significativamente il processo di pace. MA QUALE PROCESSO DI PACE!?!? I palestinesi stanno formando un governo di unità nazionale con i terroristi di Hamas. Non riconoscono Israele come stato ebraico. Insegnano ai loro figli a odiare gli ebrei. Rinominano le loro città, piazze, strade e scuole con i nomi dei terroristi che hanno fatto saltare in aria donne e bambini ebrei innocenti. Non puoi danneggiare ciò che non esiste. Per oltre 70 anni le nazioni del mondo hanno creduto che NON riconoscendo Gerusalemme come capitale di Israele in qualche modo si sarebbe favorita la pace. Non è stato così. Come ha detto il Presidente, se vuoi ottenere risultati differenti, allora devi provare qualcosa di nuovo. Lode a Trump per avere avuto il coraggio di credere che interpretare la realtà di Gerusalemme capitale di Israele potesse essere una chiave per ottenere qualche forma di pace per israeliani e palestinesi. Preghiamo che sia così; e che possiamo vedere sempre più israeliani e mussulmani convertirsi a Gesù


La rinascita ebraica

Asher Intrater

Prima che Gesù ritorni egli dice che il popolo ebreo lo accoglierà di nuovo "Baruch Haba beShem Adonai". Ma cosa significa ciò?

GUARDA.

Sottotitoli disponibili in: danese, olandese, inglese, francese, polacco, portoghese e spagnolo!


Vogliamo collegarci con voi

connect

Ogni mese riceviamo donazioni senza un indirizzo, numero di telefono o indirizzi email. Ciò significa che non abbiamo modo di ringraziarvi o di metterci in contatto con voi. Se tu hai donato a Revive Israel e non hai ricevuto un riscontro da parte nostra, per cortesia spendi un minuto del tuo tempo per farcelo sapere. Mandaci una email!


Torna ad Articol

Per favore PREGATE  per il nostro ministero in corso in Israele di evangelizzazione indigena,  per lo stabilimento di congregazioni messianiche,  per il centro di discepolato, per la lode e la preghiera profetica, le veglie di preghiera  in ebraico e per gli aiuti finanziari per i bisognosi.