Torna ad Articoli

logo

Revive Israel Ministries

© 1 de Luglio 2016 Revive Israel Ministrie

Come “connettersi” con Israele? (Parte 2)

Ariel Blumenthal

Nella Parte 1, abbiamo appreso che secondo la Bibbia, "Israele" può significare: a) i discendenti fisici di Abramo, Isacco e Giacobbe - il popolo ebraico. b) la nazione ebraica nella sua terra. c) il resto dei credenti in Yeshua - ebrei e Gentili insieme.

La metafora dell’Ulivo in Romani 11 richiede che i cristiani si considerino "innestati" (collegati dal patto) a Israele in un modo che riflettano la pienezza di tutte e 3 le dimensioni della Israele Biblica. Questa è la formula di Dio per realizzare la «pienezza dei gentili / nazioni", "che tutto Israele sia  salvato" e la 2 ° venuta di Yeshua. (Rm 11, 25-26)

Prima di studiare come questo pieno “innesto" potrebbe apparire ai nostri giorni, voglio vedere come i cristiani si sono collegati a Israele in modi che sono giusti, ma non arrivano alla pienezza che stiamo cercando.

1) A + B, senza C - Collegarsi con Israele o il popolo ebraico AL DI FUORI del Vangelo

Nel corso delle ultime generazioni, molti cristiani hanno potuto discernere in Israele l'adempimento delle tante profezie bibliche riguardanti il raduno del popolo ebraico e il ripristino della nostra nazione. Dopo secoli di maltrattamento degli ebrei, i cristiani hanno accettato il mandato biblico di "provocare" amorevolmente la parte incredula di Israele "per gelosia" (Rm 11:12). Molti fanno tour guidati nella Terra Promessa, fanno visite all'IDF, incontri con politici, rabbini, ecc ; altri hanno donato finanze o piantato alberi per aiutare la nazione; e molti prendono una forte posizione politica pro-Israele. Queste sono tutte cose buone, ma può mancare completamente "C" - Israele che è l'Israele della fede - il resto spirituale dei credenti israeliani in Yeshua.

Romani 9: 6 e 11: 17-18 ci dice che non tutto Israele è completamente Israele. Se una delle principali modalità di collegamento, innestare nell’Ulivo, è attraverso la maggioranza ebraica non salvata, allora si sta essenzialmente innestando nei rami che sono (almeno in questa fase) tagliati dall'albero! Quella non è una buona formula per "condividere con loro le ricche radici dell’ ulivo !!" E 'impossibile ricevere la benedizione e il nutrimento dalla radice se si sta innestando in rami che non sono nemmeno collegati all'albero! Questo errore è stato del tutto perdonabile una generazione fa, quando il residuo dei credenti in Israele era così piccolo da essere praticamente invisibile, ma oggi la nazione ebraica sta vivendo una restaurazione spirituale e una crescita del residuo dei fedeli in Yeshua. E' il momento per la pienezza dei rapporti nell’innesto all’Ulivo!

2) Le"radici" degli insegnamenti ebraici della Torah

Oggi, ci sono molti insegnamenti popolari sulle "radici ebraiche" della fede: imparare a conoscere lo sfondo ebraico delle Scritture, la cultura ebraica, le feste, ecc. può essere utile - fintanto che questo non viene con la promessa di trovare attraverso la loro osservanza benefici spirituali che già abbiamo in Cristo. Ma il collegamento con le leggi e la cultura di un popolo è diverso dall’ avere una relazione con loro in modo reale. Pensateci in questo modo: mangiare fuori regolarmente in un ristorante di sushi può aiutare ad apprezzare il cibo giapponese, ma non può aiutare effettivamente a connettersi con la realtà che è il Giappone. Naturalmente, un apprezzamento della cucina nazionale, o studiare la lingua e la storia del Giappone, può contribuire a sviluppare relazioni più profonde con la gente del Giappone, ma non dovrebbe essere confuso con la relazione stessa!

L'Ulivo in Romani 11 è un "Albero di Persone", non un albero di "insegnamento / dottrina Torah ". Secondo Paolo, la radice dell'albero (popolo dell'alleanza di Dio) deve essere identificata più con l'alleanza nella fede alla promessa di Abrahamo, che con le successive pratiche della Torah che sono venute a definire i confini dell'identità ebraica (Gal 4- 5; Rm 10: 4). In questo contesto, il punto di Paolo riguarda il giusto rapporto con gli altri popoli nell’albero-non l'osservanza del Sabbath o alter feste.

Questo "albero" del popolo di Dio è come un arcobaleno che dimostra un'incredibile varietà di culture e di identità di nazioni, che Giovanni ha potuto visibilmente riconoscere nella sua visione unica. (Ap 7: 9) Il modo sbagliato di "connettersi" o "innestarsi" con Israele attraverso le radici dell’ insegnamento ebraico,  può essere effettivamente un grande inganno: ci si può trovare con un presunta maniera di vivere “ebraica” o "biblica" e praticare la sua fede, ma senza alcuna delle connessioni bibliche con Israele-né A, B né C! Alla fine, secondo la nostra esperienza, questo può portare a un focus non sano con una propria pratica religiosa, identità e persino l'inganno di pensare di avere "sangue" ebreo o Israelita (Ap 3: 9)


Bisogno di più Traduttori

Negli ultimi due mesi abbiamo avuto persone provenienti da nove lingue diverse che hanno risposto al nostro invito a far parte del nostro team di media per l’aggiunta di sottotitoli ai nostri video. Questo è emozionante e siamo così grati per come Dio connette Ebrei e Gentili insieme nel vedere la parola del Signore uscire da Gerusalemme! Il nostro obiettivo è quello di creare un team di traduttori in tutte le 16 lingue che attualmente abbiamo per la nostra email settimanale. Queste sono le lingue che ancora ne hanno bisogno:

•Olandese

•Tedesco

•Italiano

•Giapponese

•Coreano

•Russo

•Spagnolo

•Svedese

Hai abilità nella traduzione e il desiderio di vedere il nostro video nella tua lingua? Iscriviti alla nostra famiglia di traduttori. Scrivi a [email protected] per informazioni.


Ricevere l'Amore del Padre

Ecco il messaggio di Asher Intrater alla recente riunione in  Israele condotta da IHOPKC. Per guardare in inglese, clicca QUI!


Incontra la squadra: Geremia

Questa settimana incontra il team manager di Revive Israele, Geremia Smilovici.

Sottotitoli disponibili in Francese, Spagnolo, Portoghese, Italiano, e  Danese. Per guardare, fare clic QUI!


Torna ad Articoli

Per favore PREGATE  per il nostro ministero in corso in Israele di evangelizzazione indigena,  per lo stabilimento di congregazioni messianiche,  per il centro di discepolato, per la lode e la preghiera profetica, le veglie di preghiera  in ebraico e per gli aiuti finanziari per i bisognosi.