Torna ad Articoli

logo

Revive Israel Ministries

© 18 de Marzo 2016 Revive Israel Ministrie

Destinati ad essere UNO

Di Daniel Juster, Th.D., (Estratto da : l’identità della Chiesa, il corpo del messia)

Il libro degli Atti e particolarmente Atti 15 è un passaggio chiave per la nostra comprensione  per quel che concerne la posizione e l’identità dei Gentili che risposero al messaggio del Vangelo ed entrarono nel regno.

A prima vista sembra curiosa la risposta del leader della Congregazione di Gerusalemme, Giacomo (Jacobs) in Atti 15 riguardo i Gentili che risposero alla salvezza.  Infatti Egli quota un passaggio da Amos 9:10-11 il cui contesto originale si riferisce al millenio.  Nella versione Septuaginta si legge letteralmente:

Dio primariamente mostrò il Suo interesse prendendosi dai Gentili un popolo per Se stesso.  Le parole dei profeti sono in accordo in questo senso, così come è scritto, “ Dopo di ciò Io tornerò e ricostruirò la tenda di Davide che è caduta. Ricostruirò le sue rovine e la restaurerò, così che il rimanente degli uomini possa cercare il Signore e tutti i Gentili che portano il Mio nome…” (Atti 15:14-17).

Cosa intendeva dire Amos?

Il punto di vista di Giacomo è che Dio si sta prendendo (formando) un popolo per se stesso fra i Gentili, Egli non si sta formando un certo numero di persone perché si convertano o diventino Giudei, o perché diventino parte di una nuova “terza razza” che non sia ne Giudea  ne Gentile. Quando cita da Amos è perché egli sta puntando verso la fine di tutte le cose, l’ultima era, quando Israele e le nazioni saranno divenute una sola unità  sotto il ruolo del Messia.

L’argomentanzione  di Giacomo è in perfetta sintonia con tutto il contesto dei Vangeli Sinottici.  Se è vero che il Regno ha impattato il mondo come i segni e i prodigi compiuti da Yeshua e dagli Apostoli, e lo Spirito Santo è stato sparso, allora anche un altro aspetto del Regno dovrà manifestarsi: i Gentili che verranno a sottomettersi al governo di Davide. Sebbene Yeshua ancora non regni sul trono terreno di Gerusalemme, ha però cominciato a regnare e siede alla destra di Dio Padre.

Inclusione

I profeti parlano in diversi passaggi circa la conversione delle nazioni, e su come verranno alla luce del Messia. Poiché Egli è una luce alle nazioni, una bandiera per i popoli, e solo Lui porta la salvezza agli estremi della terra. L’inclusione dei Gentili, senza la conversione al Giudaismo, è la figura data dai profeti, e tutto questo si sta già compiendo.  Però c’è anche un tempo nel quale le nazioni si volgeranno pienamente all’Iddio d’Israele, e questo deve ancora essere manifestato. Il testo di Amos invece riguarda ciò che sta cominciando ad accadere ora. La Tenda di Davide è il ristabilimento del patto di Davide, e tutto si sta riunendo sotto il suo governo, cioè sotto la copertura della sua tenda.

L’entrata dei Gentili è un ulteriore evidenza che Yeshua è il Messia e che Il Regno si è ormai aperto un varco in questa Era. Israele e le nazioni sono destinate a diventare uno sotto il governo del Messia. Comunque, attualmente noi  già vediamo Giudei e Gentili  essere uno nel Messia. Essi sono un’ombra escatologimente parlando dell’Era a venire. Cioè mostrano che l’Era a venire è già operante nell’Età presente.


Fede per il Risveglio

In questo messaggio Asher Intrater condivide il soggetto del Battesimo dello Spirito Santo, la potenza del risveglio e la preghiera che lo precede. Per ascoltare in Inglese con la traduzione in francese, cliccate Qui!


Ulteriori Attacchi Terroristici

Di Betty Intrater

Taylor Force era un graduato del West Point che servì l’Esercito per 5 anni e prese parte anche in Afghanistan e in Iraq. Purtroppo la sua esperienza non gli è stata di alcun aiuto quando si è trattato di lottare contro la situazione bellica che Israele affronta oggi. Egli è stato attaccato fatalmente mentre si trovava in vacanza a Jaffa, trovandosi a passeggiare lungo mare con alcuni amici. Un giovane Palestinese l’ha accoltellato mortalmente proprio quando il pericolo sembrava lontano.

Questo è ormai diventato il combattimento che gli Israeliani affrontano regolarmente. È come una roulette Russa. Non ci si può preparare perché non si sa quando arriva. Tutto quello che si può fare è guardarsi alle spalle, essere vigili, pregare e sperare per il meglio.

Molti nella comunità internazionale non realizzano che c è un livello di integrazione molto alta tra Giudei e Arabi nella società Israeliana. Gli Arabi-Israeliti che hanno piena cittadinanza nella maggior parte dei casi vivono in pace e sono integrati con i loro vicini Giudei.  Gli Arabi palestinesi che vivono nei territori lavorano nelle città Israeliane. Nella maggioranza dei casi sono impiegati validi ai quali si può dare fiducia.

Taylor Force non era cosciente che il nemico in Israele non è sempre chiaramente distinto da un uniforme diversa che sta dall’altra parte della barricata. Egli è all’interno e può colpire ad ogni momento.


Il Soggetto dell’Amministrazione

Rob Parker, della IHOPKC, condivide  con la nostra squadra alcuni temi riguardanti l’amministrazione, un soggetto centrale alla nostra fede. Per guardare in Inglese, Cliccate Qui!


Torna ad Articoli

Per favore PREGATE  per il nostro ministero in corso in Israele di evangelizzazione indigena,  per lo stabilimento di congregazioni messianiche,  per il centro di discepolato, per la lode e la preghiera profetica, le veglie di preghiera  in ebraico e per gli aiuti finanziari per i bisognosi.