Torna ad Articoli

logo

Revive Israel Ministries

© 5 de Febbraio 2016 Revive Israel Ministrie

Dovrei unirmi ad una congregazione?

Di Asher Intrater

Alcune persone si chiedono: "Se leggo la Bibbia e prego, perché dovrei unirmi a una chiesa locale?" Beh, per ricevere il perdono dei peccati (la salvezza), uno non deve far parte di un congregazione. Tuttavia, ci sono molte ragioni per cui si dovrebbe. Eccone alcune:

  1. L’intenzione di Yeshua - subito dopo la dichiarazione di fede di Simone di Cefa(Pietro), Yeshua ha risposto dicendo, "su questa pietra edificherò la mia Kehila (ecclesia, chiesa)" - Matteo 16:18. Come si può dire che uno si è impegnata a seguire Yeshua, ma non cooperare con l'intenzione di Yeshua nel costruire la Sua chiesa?
  2. Combattimento spirituale - nello stesso brano Yeshua dice che" le porte degli inferi non prevarranno contro di essa" - Matteo 16:18. All'interno di una comunità, ci dovrebbe essere un'autorità spirituale per proteggerci dagli attacchi del diavolo. Se uno non è parte di una comunità di fede divina, egli è inutilmente esposto ad attacchi demoniaci.
  3. Risposta al Vangelo - Nel primo messaggio di Pietro, ha incoraggiato la gente a pentirsi, essere immersi in acqua, e ricevere lo Spirito Santo (Atti 2:38). Coloro che sono stati salvati, hanno subito aderito alla comunità di fede ( "sono stati aggiunti a loro" - Atti 2:41 e 47). La loro risposta al vangelo era un profondo impegno per il Signore e la sua comunità sulla terra (Atti 2: 42-47; 4: 32-35).
  4. Uniti in preghiera - Pietro è stato arrestato e messo in prigione, ma è stato soprannaturalmente liberato da un intervento angelico diretto (Atti 12: 3). Una delle ragioni per quel miracolo era "nel momento in cui Pietro era in prigione, la chiesa ha offerto forte preghiera per lui a Dio" - Atti 12: 5. La preghiera unificata è più forte della preghiera individuale.  La preghiera Unificata accade all'interno della comunità di fede (Matteo 18:19).
  5. Responsabilità morale - Come seguaci di Gesù, dobbiamo vivere secondo i principi di fedeltà e integrità. Quando noi pecchiamo, i nostri fratelli e sorelle sono lì ad aiutarci nel consiglio e nel confronto. Questo dovrebbe avvenire dentro la congregazione (Matteo 18: 15-19). Se non vi è alcun impegno in una comunità di fede, non esiste una responsabilità morale verso l’un l'altro.
  6. Anziani in ogni città - In tutti i viaggi e il ministero di Paolo (Saulo), vediamo un modello ricorrente: la preghiera, evangelizzazione, la raccolta di nuovi credenti in una congregazione e la nomina degli anziani. "In ogni chiesa hanno nominato degli anziani ..." - Atti 14:23. In ogni luogo e in ogni città, i credenti sono uniti in una comunità con i leader che hanno il potere spirituale. Non vi è alcun altro modello nella Scrittura.
  7. Lettere di Paolo - E 'ironico che alcuni giustifichino il non unirsi a una congregazione citando versi dalle epistole di Paolo. Eppure la maggior parte delle epistole di Paolo - Romani, Corinzi, Galati, Efesini, Filippesi, Colossesi - sono state indirizzate alle chiese locali. Siamo a leggere le epistole come membri di una congregazione locale.
  8.  I doni dello Spirito - Altri si riferiscono al loro essere stati guidati personalmente e in modo indipendente dallo Spirito Santo. Certamente lo Spirito Santo conduce ciascuno di noi individualmente. Tuttavia la spiegazione principale dei doni dello Spirito Santo si trova in I Corinzi 12-14. Lì troviamo che tutti i doni sono sempre per il rafforzamento di una congregazione locale di fede (I Corinzi 12: 4, 14, 26, 14: 4, 5, 12, 26).
  9. Epistole di Yeshua - Non è solo Paul a scrivere lettere alle congregazioni locali, lo ha fatto anche Yeshua! In Apocalisse 2-3, troviamo epistole di Yeshua a 7 chiese diverse. E 'stata, ovviamente, la sua aspettativa che tutti i suoi seguaci sarebbero stati membri di congregazioni locali.
  10.  Ecclesia universale - Una congregazione locale è una parte cellulare o una parte del corpo del grande Corpo del Messia. In questo modo, partecipiamo all’autorità di Yeshua (Ef 1,22), che visualizza la sapienza di Dio (Ef 3,10), che riceve la gloria di Dio (Efesini 3,21), rivelando il mistero della "sposa" (Efesini 5,25), e mantenendo la colonna della verità nel mondo (I Timoteo 3:15).

Una congregazione locale può riunirsi in un proprio edificio, o in casa di qualcuno, o di nascosto nel mezzo di una foresta! Ma i principi di base non cambiano. Possiamo noi tutti trovare una buona "casa famiglia" come parte di una comunità locale di fede in Yeshua!


Ban Ki Moon e il Terrore

Di Eddie Santoro

Il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon ha recentemente accusato "la politica degli insediamenti" di Israele come la causa principale della attuale ondata di violenza terroristica. Il fatto che l'intero mondo islamico è apertamente impegnato—non ad una soluzione dei due stati, ma alla definitiva distruzione di Israele -- è totalmente ignorato.

Ban ha aperto la recente Conferenza sul clima a Parigi con un momento di silenzio per le vittime del terrorismo e un recital solenne della città, dove gli islamisti radicali hanno uccisi delle persone, ma con la palese omissione di Tel Aviv e Gerusalemme. Uccidere ebrei viene ora ufficialmente descritto come "resistenza all'occupazione" e non terrore - come esiste in tutto il mondo.

Tali pensieri non sono mai stati espressi fino a quando la Francia ha risposto al suo recente attacco terroristico. Dalle Torri Gemelle a New York agli attacchi in Africa e in Europa, i leader mondiali approvano sempre la risposta di una nazione come contromossa per proteggersi contro il terrorismo islamico. Ma Israele, la nazione che ha sofferto più a lungo e peggio di qualsiasi altra nazione al mondo, è condannata apertamente in quanto risponde agli attacchi terroristici contro i suoi cittadini.

Pregate con noi che i poteri che incoraggiano la gente a commettere questi attacchi siano rotti e sconfitti.


Israele, Grecia e Cipro

Da Greta Mavro

Recentemente Israele, Grecia e Cipro hanno firmato un accordo trilaterale per la cooperazione in materia di gas naturale, reti elettriche, e la sicurezza contro il terrorismo. Ecco un rapporto incoraggiante da parte del Ministero degli Esteri israeliano. Clicca qui!


"Il cane da guardia" di Israele

Recentemente Caleb Meyers è apparso sulla prima pagina del giornale locale di Gerusalemme Maariv . In uno scherzo si riferivano a lui come il nuovo "cane da guardia" di Israele ed è stato elogiato per il suo impegno in difesa di Israele contro la propaganda in tutto il mondo. Per favore prega per il lavoro che sta facendo l'Istituto di Gerusalemme di giustizia.


Torna ad Articoli

Per favore PREGATE  per il nostro ministero in corso in Israele di evangelizzazione indigena,  per lo stabilimento di congregazioni messianiche,  per il centro di discepolato, per la lode e la preghiera profetica, le veglie di preghiera  in ebraico e per gli aiuti finanziari per i bisognosi.