Torna ad Articoli

logo

Revive Israel Ministries

© 1 de Gennaio 2016 Revive Israel Ministries

Il cristiano radicale

Estratto dal Francis Frangipane

Un uomo potrebbe essere un cristiano di nome, per lo più influenzato da cose spirituali, finché un giorno non legge la Bibbia e si trova un fuoco spirituale acceso nel suo cuore. Se quell'uomo rimane nella sua nuova convinzione,  seguirà sempre di più Gesù Cristo nella sua vita. Diventerà più amorevole e indulgente, e sempre più disposto a investire la sua vita nel vedere gli altri redimersi come lui. Egli, insomma, diventerà più simile a Cristo.

Se un musulmano di nome inizia a leggere il Corano, e continua la sua devozione quotidiana, ad un certo punto egli sarà sempre più arreso all’ubbidienza e a tutti gli insegnamenti di Maometto. Proprio come il seguace di Gesù che cerca di conformarsi a Gesù, anche il musulmano impegnato dimostrerà la sua fedeltà obbedendo  agli estremisti militanti dell'Islam. Le opere che Maometto ha fatto, anche il suo seguace le farà.

E questo è il problema: il cristiano per diventare sempre più simile a Cristo è conformato a un redentore; il musulmano che diventa sempre più come Mohammed viene conformato a un leader militare. Per leggere l'articolo completo in inglese, clicca qui!


Una settimana turbolenta in Israele

In questo video Asher copre diverse notizie di eventi recenti in questa passata settimana che illustrano chiaramente l'attuale stato socio-politico di Israele. Per guardare in inglese, clicca QUI!


L'Islam, gnosticismo e Anticristo

Di Bassem E.

Giovanni ha scritto riguardo lo spirito dell'anticristo, "ogni spirito, il quale riconosce pubblicamente che Gesù Cristo è venuto nella carne, è da Dio; 3 e ogni spirito che non riconosce pubblicamente Gesù, non è da Dio, ma è lo spirito dell'anticristo" 1 Giovanni 4: 1-3.

Giovanni si rivolgeva agli gnostici. Essi affermavano che, anche se Gesù sembrava essere in carne e ossa,  in realtà non era in forma di carne umana come noi. Il loro primo leader Frenacus Basilide (circa 120 dC), ha detto che alla croce, Gesù ha cambiato forma con Simone di Cirene; e fu crocifisso al suo posto.

In un certo senso Gesù ha affrontato questo spirito in Matteo 16, quando Egli rimproverò Pietro, quando Pietro ha cercato di dirgli di non andare alla croce (vs. 21 - 23 - "Lungi da me, Satana, tu sei una pietra d'inciampo; per il tuo cuore non è sulle cose di Dio, ma delle cose degli uomini ").

Questa formula satanica dell’ anticristo ha continuato nel corso dei secoli, fino alla formazione dell'islam, come uno dei progetti di maggior successo di Satana. Giovanni mette in guardia i credenti dallo spirito dell'Anticristo, che è uno spirito simile che cerca di distruggere il piano di salvezza di Dio.

Dobbiamo affrontare questo spiritualmente per la potenza dello Spirito Santo e l'unità della Chiesa: "Voi siete di Dio, figlioli, e li avete vinti, perché colui che è in voi è più grande di colui che è nel mondo "(1 Gv. 4: 4).


Padre e Primogenito

Di Tal Robin

E 'il ruolo del fratello maggiore di dimostrare la volontà del Padre per il resto della famiglia. Dio desidera essere con l'umanità come un padre vuole stare con i suoi figli. Dio era rattristato perché ha perso la sua famiglia dalla cacciata di Adamo ed Eva dal Paradiso Terrestre.

Ha lavorato nel corso della storia per creare per sé un popolo o una famiglia, a somiglianza di un figlio primogenito, il cui ruolo sarebbe quello di mostrare alle altre nazioni questo suo desiderio. In questo modo Gesù è venuto come il Primogenito dei figli di Dio. Il desiderio di un Padre per la sua famiglia è di avere unità.

Gesù annuncia all'umanità che Dio è il nostro Padre e prega, in Giovanni 17, per l'unità tra i credenti e tra questi e il Padre. Il resto messianico in Israele ha una corrispondente chiamata ad essere un "primogenito" tra le nazioni; per contribuire a realizzare la riunificazione della famiglia.


La Parabola delle due Spose Ebraiche

Kalah

Dal momento della creazione del mondo, il più grande desiderio di Dio era quello di abitare con gli uomini, ma dopo la caduta tutto è cambiato. Una volta separati da Lui, Dio sapeva che non c'era nulla che potessimo fare per ripristinare tale connessione con Lui o addirittura relazionarsi a Lui nello stesso  modo in cui era possibile una volta nel Giardino dell'Eden.

Dal punto di vista del genere umano, Dio si è fatto improvvisamente lontano, inconoscibile e irraggiungibile. Dio aveva bisogno di un modo di relazionarsi con noi, così Egli mandò Gesù a chiamare coloro che hanno creduto in lui per essere la sua sposa.

La parola per la sposa in ebraico è "kalah", ma questa parola significa anche la nuora. Ciò significa che, a causa del grande amore di Dio, come un corpo non siamo solo il "kalah" (sposa) di Gesù, ma siamo anche il "kalah" (nuora) di Dio Padre. Quindi, non importa come la si veda, noi siamo i suoi "kalah." - Shani ben Ari

Ezer K'Negdo

Quando Dio creò la donna per l'uomo, ha fatto riferimento a lei come "compagna". Il termine in ebraico in realtà è "Ezer K'negdo," che significa "Aiutante che sta di fronte" o "Aiutante su cui poggiarsi." Il concetto è bello, ed in genere un marito e moglie hanno esattamente opposte forze e  debolezze. Lui è forte, dove lei è debole; lei è forte dove lui è debole. Hanno doni e chiamate complementari.

Mia moglie Betty vede dettagli ed elementi pratici, mentre io vedo solo i grandi elementi. Non avremmo mai potuto funzionare l’uno senza  l'altro. Lei è come un microscopio; Io sono come un telescopio. Scrivo le bozze di questi articoli; lei fa la prova di lettura. A volte questo può essere scomodo, perchè vede sempre le mie debolezze (e me lo dice subito).

Betty è davvero la perfetta moglie biblica con il perfetto biblico equilibrio: 50% mi aiuta e il 50% si oppone a me! - Asher Intrater


Torna ad Articoli

Per favore PREGATE  per il nostro ministero in corso in Israele di evangelizzazione indigena,  per lo stabilimento di congregazioni messianiche,  per il centro di discepolato, per la lode e la preghiera profetica, le veglie di preghiera  in ebraico e per gli aiuti finanziari per i bisognosi.