Torna ad Articoli

logo

Revive Israel Ministries

©20 Giugno 2014 Revive Israel Ministries

La Misura del dolore

di Asher Intrater

Come si misura il dolore? Se ti monto sul piede, ti fa male ma non senti dolore.  I tuoi nervi trasmettono il dolore fisico alla tua consapevolezza ma non alla mia. Fisicamente noi possiamo sentire solo il nostro dolore ma non quello degli altri. Per essere consapevoli e condividere il dolore di qualche altra persona richiede una sensibilita’ e uno sforzo al di la’ dei nostri sentimenti e capacita’ naturali.

Nella parola “compassione” la passione (pathos) si riferisce ad un’altra persona.  Com significa "insieme con" o "parallelo a”.  Noi siamo compassionevoli quando possiamo sopravvincere il nostro egoismo, e possiamo percepire ed identificarci con cio’ che l’altra persona sta provando.

Yeshua era la persona piu’ compassionevole che sia mai esistita. Egli pianse con compassione (Luca 19:41, Giovanni 11:35, Ebrei 5:7) ed estese la mano per guarire gli altri con potenza  motivata dalla compassione  (Matteo 9:36, 14:14). In Isaia 53,  il Messiah e’ chiamato due volte “un uomo di dolore”  (versetto 3) e "soffri’ le nostre pene " (versetto 4). la parola ebraica in tutti e due i casi non e’ la parola normale per “dolore” (khe'ev) כאב
ma la forma piu’ poetica della stessa radice (makhe'ov) מכאוב . Questo e’ un riferimento alla sua buona volonta’ di provare un genere di dolore che non era originalmente suo. 

Piu’ cresciamo per diventare come Yeshua, piu’ sensibili diventiamo alle pene di quelli che ci circondano. Attraverso la nostra sofferenza, noi possiamo diventare la sorgente di conforto e d’incoraggiamento per gli altri. (II Corinti 1:6).   


Ostaggi!

Ci sono reazioni profonde tra gli Israeliani relative al ​​recente sequestro di tre adolescenti Israeliani.                                   

  1. Preghiera- C’e’ stata una chiamata alla preghiera da parte dei religiosi nazionali per il ritorno dei ragazzi. Vi stanno partecipando larghi settori della popolazione israeliana. Lo stile di preghiera degli israeliani e’ basato sulla lettura pubblica dei Salmi.
  2. Autostop – Alcuni giornalisti si sono chiesti se e’ corretto per i colonizzatori di viaggiare in autostop, cosa che aumenta la possibilita’ di essere catturati come ostaggi.  I colonizzatori hanno risposto che questo tipo di logica incolpa le vittime:  come dare la colpa alla donna violentata perche’ essa indossava una gonna corta.
  3. Esplorazione-Territorio– Dal momento in cui l’evento ebbe luogo vicino ad Hebron, l’esercito ha organizzato una densa esplorazione del territorio, perlustrando ogni casa e grotta, nella speranza di scoprire dove sono gli ostaggi..
  4. Hamas – Il secondo ambito degli di sforzi e’ stato quello di arrestare molti “leaders” del gruppo Hamas. Piu’ di 200 sono stati arrestati. Questo puo’ rappresentare un punto di svolta nella strategia israeliana, che cerca di smallentare definitivamente le infrastrutture di Hamas in Judea e Samaria.  Mentre l’ autorita’ Palestinese protesta. Indebolendo  Hamas, puo’ operare un risultato positivo  sia per Israele che per l’Autorita’ Palestinese.  Un commentatore palestinese ha anche detto che forse Bibi farà per la PA ciò che Al Sisi ha fatto per la Fratellanza islamica in Egitto.
  5. Ideologia – I ragazzi presi in ostaggio provengono da "Gush Etsion," (associato con il partito Bayit Yehudi of Naftali Bennet; non indossano il nero e sono dedicati alle armi ed al servizio politico. C'è stata una disputa tra israeliani sulla saggezza strategica degli insediamenti nei territori. Il gruppo moderno di coloni ortodossi sta diventando il leader dell’ideologico Zionismo di destra.    
  6. Scambio di prigionieri – Una delle dispute riguarda la questione di rilasciare prigionieri terroristi in cambio a ostaggi israeliani. La sinistra dice “di si’ “e la destra dice “no”.  Gilad Shalit proviene da una famiglia liberale. Questi ragazzi appartengono al nucleo degli Zionisti di destra.  Questi son quelli che hanno sempre detto di non scambiare prigionieri per ostaggi, ed ora i loro figli sono gli ostaggi.  Le emozioni e le ideologie sono estremamente intense.

Zionisti Arabi di Nazareth

Un video controverso di un adolescente arabo che strenuamente sostiene Israele si sta diffondendo attraverso l’internet. Egli chiede la restituzione degli ostaggi chiamando i Jihadisti "terroristi" In questo video di 3 minuti, il sedicenne Muhammed Zoavi  (cugino dell’anti-Israeliano membro del Knesset, Haneen Zoavi) traduce se stesso in Arabo, inglese ed Ebraico. Per guardare, cliccate qui.


Torna ad Articoli 2014

Per favore PREGATE  per il nostro ministero in corso in Israele di evangelizzazione indigena,  per lo stabilimento di congregazioni messianiche,  per il centro di discepolato, per la lode e la preghiera profetica, le veglie di preghiera  in ebraico e per gli aiuti finanziari per i bisognosi.