Torna ad Articoli

logo

Revive Israel Ministries

©25 Aprile 2014 Revive Israel Ministries

Israele e le Nazioni

di Asher Intrater

Esilio e Redenzione

Esiste un mistero profondo attraverso la Sacra Scrittura riguardo alla relazione tra Israele e le nazioni.  

Il patto di Dio per tutte le nazioni inizio’ con Noe’, e poi fu trasferito ad Israele attraverso Shem ed Abramo.   Abramo stesso visse in Ur dei Caldei (Iraq antica) ed emigro’ nella terra di Canaan.  Abramo fu chiamato da Dio per benedire le nazioni della terra; in ricambio le nazioni dovevano benedire la famiglia di Abramo. (Genesi 12:03).                           

Giacobbe nacque nella terra di Canaan ma fu “esiliato” presso suo zio Laban in Siria.  Giuseppe fu respinto dai suoi fratelli e passo’ la sua vita come capo degli egiziani.  Mose’ nacque and crebbe in Egitto come Principe egiziano. Poi guido’ gli Isaeliti (e una moltitudine di Gentili) attraverso il deserto, ove egli stabili’ il sacerdozio levitico, che separo’ Israele dalle nazioni.  

Giosue’ conquisto’ la terra, e poi Davide e Solomone stabilirono il regno.  La nazione ando’ in esilio in Assiria (722 BC) e Babilonia (586 BC), e fu riunita in seguito per ristorare Gerusalemme (516 BC).  Furono conquistati dai greci (330 BC) e dai romani (63 BC), ed in seguito furono di nuovo esiliati alle nazioni (70 AD) una generazione dopo la risurrezione di Yeshua.  La “riunione” moderna inizio’ nel 1881 con l‘indipendenza nazionale del 1948, dopo circa 2000 anni di esilio.     
Il tema della dispersion e della riunione, (l’esilio e la redenzione - in ebraico "diaspora" e "Geulah") è centrale alla visione ebraica del regno (Matteo 1:17) come la morte e la risurrezione di Gesù è al centro della visione cristiana della salvezza. Le due idee sono sovrapposte nel piano di Dio (ad esempio 2 giorni uguagliando 2 mila anni).  I profeti viddero la risurrezione dei morti e la riunione d’Israele come un evento unificato. (Ezekiel 37).

Rahab and Ruth, due donne Gentili, dettero alla luce il seme del Messia ebraico (Matthew 1:5). Giona, il profeta nazionalista, (II Kings 14:25) fu inviato in missione in Assiria contro la sua volonta’.  Paolo (Saulo), un rabbino ultra-ortodosso divento’ il fondatore della Chiesa Gentile. Egli scrisse riguardo a questo mistero (Efesini 2:11-3:6), e chiamo’ i credenti gentili ad essere innestati nuovamente ad Israele (Romani 11:17-25).

Ebrei e Gentili

Il mistero degli Ebrei e Gentili continua fino al libro dell’Apocalisse, ove ci sono i 144.000 dalle tribu’ d’Israele (Apocalisse 7:4) insieme all’innumerevole moltitudine da ogni nazione (Apocalisse 7:9).  Persino la Gerusalemme celeste contiene i nomi delle tribu’ d’Israele scritte sulle sue porte (Apocalisse 21:12).

La parola "Goy" in Ebreo ha due significati: uno positivo (nazione, popolo), e uno negativo (gentile, pagano).    Quando un "Goy" riceve il Messia ebraico tramite il Nuovo Patto, egli rimane membro del gruppo della sua gente, ma non e’ piu’ un pagano,  [io preferisco descrivere la chiesa “Gentile” (ecclesia) come “internazionale” invece di “Gentile” per evitare questo frainteso. ]

Il mistero d’Israele e delle nazioni e’ eternamente profondo (Romani 11:33).  La relazione dinamica tra i due e’ fondamentale come quella tra un uomo e una donna, o tra il cielo e la terra.  C’e’ un equilibrio spirituale fra i due, come il bilancio positivo/negativo nei poli elettrici o in una equazione chimica.   Forse questo mistero e’ connesso alla vera natura dello stesso Yeshua, il quale esiste sia come Figlio di Dio che come figlio di Davide; sia come re d’Israele che come Capo della Chiesa.  La Sua duplice natura si riflette nella dualita’ della relazione tra Israele e le nazioni.


Rispondere Giustamente ai Maltrattamenti

Cosa facciamo quando qualcuno ci ferisce?  In questo messaggio Asher ci parla da Matteo 18 e sottolinea la responsabilita’ che abbiamo nelle relazioni, cioe’ quella di amare e perdonare.  Inclusa in questa responsabilita' c’e’ quella di “non fare pettegolezzi”.  Il risultato del pettegolezzo consiste nell’omicidio del caratere di un’altra persona, quando noi parliamo alle sue spalle nel tentativo di giustificare noi stessi e di evidenziare il loro torto. Per guardare in inglese, clicca Qui!


Il Campeggio della Pasqua Ebraica-Katzir

di Vanessa Ben Moshe

L’ultimo campeggio, il primo dell 2014, si e’ svolto dal 7 al 10 Aprile e si e’ tenuto nel deserto del Negev intitolato: ” Sull’altare”.  Al campeggio hanno partecipato 84 giovani provenienti da circa 25 congregazioni entro Israele.

Ci sono stti insegnamenti e discussioni sui seguenti argomenti:

  • Mettere noi stessi sull’altare e vivere liberi dalle catene del peccato. (di Eitan Shishkoff)
  • Aumentare la consapevolezza del nostro comportamento come credenti in una societa’ laica (di Moti Vaknin)
  • Rafforzare la comprensione dei giovaniche il sacrificio di Gesu’ ci ha liberati dal peccato e dalla morte. (di Youval Yanay)

Il secondo giorno abbiamo fatto un’escursione attraverso il deserto vicino al cratere Ramon e siamo scesi lungo il lato di una scogliera; il che e’ stato molto divertente e, allo stesso tempo, un’esperienza di grande affiatamento fra i giovani.

Giudicando dalle testimonianze date durante la riunione finale del campeggio, molti giovani hanno ricevuto un tocco dell’amore di Dio attraverso La Parola!  Molti sono stati emotivamente mossi dagli insegnamenti, influenzati dai loro consiglieri e hanno apprezzato molto la guida del campeggio.   Piu' di ogni cosa si sono sentiti vicini a Dio.
                       
Vi chiediamo di pregare per il prossimo campeggio estivo di 10 giorni che avverra’ a luglio..


Risposta alle obiezioni dei rabbini riguardo a Yeshua #1

Eitan e Moti sono giudei ebraici seguaci di Yeshua.  Stufi delle organizzazioni anti-missionarie e delle bugie dei rabbini riguardo a Yeshua, hanno deciso di confutarli in pubblico, con molto umore!  Per guardare (con i sottotitoli in inglese), cliccate QUI!


Torna ad Articoli 2014

Per favore PREGATE  per il nostro ministero in corso in Israele di evangelizzazione indigena,  per lo stabilimento di congregazioni messianiche,  per il centro di discepolato, per la lode e la preghiera profetica, le veglie di preghiera  in ebraico e per gli aiuti finanziari per i bisognosi.