Torna ad Articoli

logo

Revive Israel Ministries

©28 Gennaio 2012 Revive Israel Ministries

Votazioni religiose d’Israele

Questa settimana e’ stata pubblicata, dal Centro Gutman, una votazione presa da una ricerca fatta dal Prof. Asher Arian  nel 2009, da una sezione di 2.803 Israeliani.

La votazione indica che negli ultimi 10 anni la  tendenza generale del 6% e’ verso i valori religiosi ebraici piu’ tradizionali.  Parte di quella tendenza e’ dovuta semplicemente al tasso delle nascite piu’ elevato della comunita’ ortodossa, e alla diminuzione dell’immigrazione russa.  Ecco alcune delle statistiche:                                             

Religione
3% - laico anti-religioso
43% - secolari
32% - tradizionali
15% - religiosi ortodossi
7% - ultra-religiosi ortodossi

Questo puo’ essere raggruppato in tre categorie generali: 46% secolari, 32% tradizionali, 22% religiosi. La tensione tra questi gruppi mantiene la societa’d’Israele in uno status quo.

Fede
77% - un Potere Supremo dirige il mondo.
72% - la preghiera puo’ migliorare la situazione di una persona.
67% - Gli Ebrei sono il “popolo eletto”
80% - premio per le buone azioni
74% - punizione per le cattive azioni
56% - vita dopo  la morte
51% - la venuta del Messia (che non si riferisce a Gesu’).
13% - riceve consiglio dai rabbini
24% - visita le tombe dei rabbini morti.

Rituali
94% - circoncisione
92% - seduta shiva (lutti personalizzati dopo la morte di una persona cara)
91% - bar mitzvah
90% - recitare la preghiera "kaddish" dopo la morte di un genitore
80% - per essere sposati da un rabbino
57% - per pemettere matrimoni civili (attualmente non consentito)

Shabbat
84% trascorrere del tempo con la famiglia
69% preparare pasti speciali
66% accendere le candele
60% recitare benedizioni "Kiddush" sul vino
16% fare spese
11% lavorare
La percentuale qui sopra indica l’osservanza di un alto Sabbath. Eppure c’e’ un’alta percentuale di quelli che vogliono piu’ liberta’per le attivita’ recreative:

68% apertura di caffe’e ristoranti
64% il permesso per le competizioni sportive
59% permesso per i trasporti pubblici
58% apertura di centri commerciali

Feste
85%  per le feste Ebraiche
82%  accendere le candele ad Hanukah
68%  il digiuno ad Yom Kippur
67%  mangiare il matsoh durante il Passover
36%  leggere la storia di Ester a Purim
20%  leggere le preghiere“tikkun” la notte di Shavuot

Kosher
76% mangiare cibo kosher in casa
70% mangiare kosher anche fuori casa
72% non mangiano mai i prodotti di maiale
63% non mischiano il latte con i produtti di carne.

Stato e Religione
70% vogliono che Israele sia uno Stato Ebraico
65% vogliono la religione Ebraica in Israele
44% ubbidirebbe la legge del governo se contradicesse quella rabbinica.
20% ubbidirebbe la legge rabbinica se contradicesse quella governamentale.
36% non sono sicuri
40% disposti ad accettare come Ebreo il cui padre e’ Ebreo e non la madre
33% disposti ad accettare come Ebreo qualsiasi persona che vuole essere Ebrea

Per un rapporto piu’ completo, cliccate qui.


Il Digiuno di Ester

Insieme ad altre congregazioni Israeliane e case di preghiera, vi chiediamo di unirvi a noi per un incontro di digiuno e di preghiera di 12 ore, dalle 6 A.M. alle 6 P.M., Mercoledi’ 7 Marzo. Considerando l’attuale tensione tra l’Iran ed Israele, questo evento d’ intercessione sara’ molto strategico ed anche storico. Vi invieremo una struttura del tema di preghiera e dettagli nelle prossime settimane..


Umar Mulinde

di Avraham Ben Hod

Umar Mulinde (38), padre di tre bambini (14, 6, 3), e’ il pastore della chiesa Gospel Life in Kampala, Uganda. Umar fu allevato Mussulmano e fu educato per essere un Imam.  Tramite una rivelazione supernaturale, egli ebbe un incontro personale con Yeshua .  Comincio’ a predicareil vangelo, e la sua chiesa sta crescendo e prosperando.

In seguito egli comincio’ a fare studi riguardo ad Israele, e si rese conto che Islam gli aveva mentito, e che c’era un destino per Israele nella Bibbia. Quest’anno egli ha organizzato una Conferenza con 5,000 pastori nello stadio di Kampala, per parlare d’Israele.  Egli ha anche organizzato una petizione in Uganda di 360.000, che e’ riuscita ad arrestare l’istituzione di tribunali islamici in Uganda.  I mussulmani hanno lanciato una fatwa (condanna a morte contro di lui).

Il 24 dicembre, la vigilia di Natale alla chiesa, 300 persone ricevettero Yeshua come il loro Signore, molti mussulmani inclusi. Dopo la funzione, Umar si avvio’ solo verso la sua macchina.  Qualcuno di dietro lo chiamo’.  Percepi’ che lo Spirito Santo gli diceva di non girarsi.  Raggiunse la sua macchina ed apri’la porta.  Fu attaccato da 4 mussulmani che gli gettarono addosso un secchio di acido concentrato.

Una parte dell’acido colpi’ la pota della macchina, ma  molto cadde addosso a Umar. I suoi vestiti andarono in fumo. Membri della Chiesa lo portarono in fretta all’ospedale. Meta’ della sua testa e della sua faccia, un braccio e la parte superiore del torace erano completamente bruciati dall’acido, compresa la perdita della vista in un occhio. I dottori gli dissero che egli aveva bisogno di aiuto medico internazionale. Essi ebbero difficolta’ a trovare un visto.  Il governo israeliano venne a sapere della situazione; l’ufficio del Primo Ministro intervenne e procuro’ un volo per lui che lo trasporto’ in Israele ove fu assisito all’ospedale di Sheba in Tel Hashomer.

Egli ha subito numerose operazioni d’innesto cutaneo.  Due congregazioni messianiche locali, stanno contribuendo all’assistenza dei bisogni della sua famiglia.  Che segno dei tempi: un Africano Nero diventa cristiano, e’ attacato dai mussulmani, volato in Israele per le cure mediche, ed e’ assistito dagli Ebrei Messianici locali. 


Se Gesu’, Allora…

Di Asher Intrater

La filosofia logica e’ basata sulla proposizione  “Se–Allora”.  La scienza naturale e’ basata su gli esperimenti di “Causa ed Effetto”.  I principi spirituali operano con un modello simile. Se la nostra fede e’ concentrata sulla persona di Yeshua, allora si otterranno certi effetti.

Se teniamo gli occhi su di Lui, noi possiamo camminare sulle acque (Matteo:28-31).
Se Lo glorifichiamo, lo Spirito Santo sara’ sparso dapertutto (Giovanni 7:39).
Se lo innalziamo, tutti saranno attirati a Lui (Giovanni 12:32).
Se proclamiamo il Suo Nome, si compiranno segni miracolosi (Atti 4:29-30).
Se siamo uniti a Lui nella Sua morte, vivremo con Lui. (Romans 6:5).
Se soffriamo con Lui, saremo glorificati con Lui (Romans 8:17-18).
Se siamo sottomessi a Lui , riceveremo autorita’con Lui (Philippians 2:5-11).


Torna ad Articoli 2012

Per favore PREGATE  per il nostro ministero in corso in Israele di evangelizzazione indigena,  per lo stabilimento di congregazioni messianiche,  per il centro di discepolato, per la lode e la preghiera profetica, le veglie di preghiera  in ebraico e per gli aiuti finanziari per i bisognosi.