Torna ad Articoli

logo

Revive Israel Ministries
©11 Settembre 2011 Revive Israel Ministries

9-9-11 ed il “Nuovo” Mezzo Oriente

da Asher Intrater

Oggi si terra' una cerimonia in Israele , 11 settembre 2011, per commemorare le vite perdute durante l'attacco delle Torri Gemelle, esattamente 10 anni fa. In questi dieci anni abbiamo visto la creazione di una nuova realtà nel Medio Oriente. Ci sono stati violenti sconvolgimenti nella maggior parte delle nazioni musulmane circostanti ad Israele. Anarchia, spargimento di sangue ed insediamenti dei redicali islamici sono molto diffusi. Preghiamo per l'America mentre lei piange la sua perdita, e preghiamo affinche' si  fermi la diffusione dell'Islam radicale.


Attacco di massa sull' ambasciata Israeliana

Venerdì sera, 9 settembre, dopo le preghiere del pomeriggio dei mussulmani , una grande agitazione  di dimostranti egiziani si riunirono sulla piazza di Tahrir al Cairo. Una folla di circa diverse migliaia erano alla ricerca di uno sfogo per la loro rabbia.  Allora hanno attaccarono   l'ambasciata israeliana. Hanno rotto il muro di protezione ed sono entrati nell'edificio. Tutti i diplomatici israeliani e le loro famiglie sono stati evacuati, ad eccezione di 6 addetti alla sicurezza, che sono rimasti nell'edificio. Per tutta la notte del 10 settembre, il Primo Ministro Netanyahu ha cercato di raggiungere il governo egiziano ed i funzionari della sicurezza per fermare la folla, ma senza risposta. Netanyahu ha quindi chiamato direttamente il presidente americano Obama per chiedere aiuto. Obama si e’rivolto all’Egitto e ha chiesto l’intervento. L'esercito egiziano e’ intervenuto con veicoli armati, sparando gas lacrimogeni e proiettili veri. Molti sono rimasti feriti e tre dimostranti, da quanto riferito, sono stati uccisi.

I 6 addetti alla sicurezza erano rinchiusi all'interno dell'edificio. Netanyahu ha parlato al telefono con "Yonatan," il capo del team di sicurezza. Una sola porta era rimasta tra loro e la folla, la forza di commando egiziana arrivo’​​e li salvò, deviando così, all'ultimo momento, un disastro internazionale.

La mattina del 10 settembre, Netanyahu rilascio' una dichiarazione di ringraziamento al presidente Obama e all'esercito egiziano, ma sottolineo' anche la gravità della situazione. Ovviamente non ci possono essere relazioni diplomatiche se una nazione non può proteggere l'ambasciata ed il personale delle altre nazioni. Gli sconvolgimenti in Egitto hanno posto in pericolo al trattato di pace con Israele di gia' ben 30 anni.


Opinioni Turche d'Israele

Questo mese  c'e stato  un ulteriore peggioramento del rapporto tra la Turchia e Israele, a causa del  Primo Ministro Turco Erdogan il quale ha annunciato l'annullamento delle relazioni diplomatiche, commerciali, e della difesa con Israele. Eppure non tutti i turchi la pensano allo stesso modo. Ecco un estratto da editorialista Burak Bekdil, apparso nel  Hurriyet Daily News, 23 agosto 2011:

Sono passati due anni e mezzo da quando il primo ministro Erdogan ha detto il presidente israeliano Shimon Peres, "Tu (gli ebrei) sai bene a come uccidere". Erdogan ha inoltre dichiarato che il principale ostacolo alla pace in questa parte del mondo è Israele, chiamando lo Stato ebraico "un foruncolo infettivo  nel Medio Oriente che si diffonde con odio e inimicizia." Cerchiamo d' identificare chi sono quelli che sanno bene a come uccidere.

Il conteggio dei morti siriani aumentano ogni giorno e stanno per avvicinarsi a 2.000, ed  il conteggio  turco-curdi di morti sono già oltre 40.000 dal 1984. Solo durante questo Ramadan, Party (PKK) dei lavoratori del Kurdistan il 'bilancio dei morti ha raggiunto i 50 , questo  tra turchi musulmani .e Kurdi mussulmani.

Il Sudan non si trova convenzionalmente nel  Medio Oriente, quindi cerchiamo d' ignorare il loro genocidio . Ignoriamo , inoltre, i massacri ovest del Pakistan nel Pakistan orientale (Bangladesh) per un totale di 1,25 milioni nel 1971. O i 200.000 morti in Algeria, nella guerra tra islamici e il governo nel 1991-2006.Una semplice, ricerca strettamente nel Medio Oriente vi darà una cifra di un milione di morti  musulmani tra la guerra d' Iran-Iraq; 300.000 minoranze musulmane uccise da Saddam Hussein; 80.000 iraniani uccisi durante la rivoluzione islamica, 25.000 morti nel 1970-71, duranti i giorni di Settembre Nero, da parte del governo giordano nella sua lotta contro i palestinesi e 20.000 islamici uccisi nel 1982 dal maggiore al-Assad a Hama. Stima fatta pochi anni prima dall' organizzazione Mondiale della Sanità sul massacro di Osama bin Laden in Iraq era già 150.000.

Circa 11 milioni di musulmani sono stati violentemente uccisi dal 1948, di cui 35.000, (0,3 per cento) sono deceduti durante i sei anni di guerra araba contro Israele, o uno ogni 315 infortuni mortali. Al contrario, oltre il 90 per cento che sono morti sono stati uccisi dai musulmani.


Ho chiesto ad un amico cristiano turco come un giornalista possa scrivere questo e sopravvivere. Il suo commento è stato che l'articolo apparso probabilmente solo  inglese come appendice e dal giornale di opposizione, perché se fosse stato pubblicato in turco, avrebbe firmato la sua condanna a morte. Una revisione delle centinaia di "talkbacks"= commenti  ha dimostrato una maggioranza a favore dei suoi commenti. Pregate per la protezione del Bekdil.


Incontro di preghiera da tutta Gerusalemme

Da Eddie Santoro

Questo Martedì 6 settembre, i membri di 7-8 congregazioni di Gerusalemme si sono incontrati per un incontro di preghiera comune. C'era grande unità tra le congregazioni,  prodotta da un'amicizia tra i pastori nella zona di Gerusalemme. Questa unità nel corso della riunione ha portato ad una potente unzione dello Spirito Santo nella preghiera. Abbiamo interceduto per le nazioni circostanti in Medio Oriente, per i prossimi eventi  alle Nazioni Unite, e per la salvezza di Israele, e molto altro. Le preghiere erano infuocate  rapide ed intense. Tutti hanno partecipato.


Verso Gerusalemme Consiglio II

Da Daniel Juster

La conferenza "Verso Gerusalemme Consiglio II" si svolge questa settimana a Gerusalemme, la convocazione d' importanti dirigenti della Chiesa nel credo, in particolare questo anno esponenti da Europa e Africa . La conferenza è un dialogo progettato a portare il sostegno ufficiale della Chiesa e la comprensione del movimento messianico in Israele e in tutto il mondo. Si prega di pregare per una strategia chiara ed un  accordo di visione a venga fuori da questa conferenza e per una svolta nella leadership della Chiesa in Asia.


Torna ad Articoli 2011

Per favore PREGATE  per il nostro ministero in corso in Israele di evangelizzazione indigena,  per lo stabilimento di congregazioni messianiche,  per il centro di discepolato, per la lode e la preghiera profetica, le veglie di preghiera  in ebraico e per gli aiuti finanziari per i bisognosi.